“Ce l’hai un’idea” testo scritto da Stefano Benni. è uno scrittore, umorista, giornalista, sceneggiatore, poeta e drammaturgo italiano. Dal suo sito: “Non esiste una biografia del lupo Benni perché da trent’anni, tutte le volte che gliela chiedono, il lupo la cambia, dicendo un sacco di balle, o quasi-balle. Poiché nessuno ha mai controllato, Benni si è divertito a costruirsi almeno dodici biografie diverse. [continua a leggere QUI]

“Ce l’hai un’idea” di Stefano Benni

Ma tu ce l’hai un’idea?
un’idea, dai…
quelle che c’erano una volta,
che uno si svegliava una mattina
e si accendeva la lampadina.
non ce l’hai un’idea?
Ma sì che ce l’hai,
dammela, dai,
la vendiamo alla Rai!
la facciamo fruttare!
un’idea anche elementare…
dai, un’idea originale,
non di quelle che trovi sul giornale!
o te le dà il partito…
non perché la ascolti
da uno in televisione,
non perché la senti in una canzone.
un’idea tua,
pensata da te, artigianale
come non si fa più.
sei uno che pensa anche al cesso,
tirala fuori adesso!
è il momento, ci son tante occasioni;
ho un amico che scrive canzoni:
facciamo un quarantacinque un trentatré qualcosa
dai un’idea, anche schifosa…
ci facciamo un film!
lo so che ce l’hai un’idea.
anche due: se ne hai due insieme
ci facciamo un pastone,
venti puntate in televisione.
Dai che lo so che ce l’hai,
dai che la vendiamo, dai!
è il momento: non le ha nessuno,
fan tutti finta, son disperati,
tiran fuori bauli usati
con le idee degli anni venti
e dicon che son nuove e intelligenti.
e dai che ce l’hai…
io ne avevo una mia sai,
c’ho fatto sei libri,
è un po’ logora ormai.
basta un’idea, una sola!
anche fatta di una sola parola…
ci facciamo una pubblicità:
“frizzevolissimevolmente”! eh? ti va?
Dai, se mi dai un’idea
poi diventi intellettuale
e dopo, anche senza idee,
basta che scrivi su un giornale
che non sei d’accordo
con le idee di qualcuno,
lui scrive che non è d’accordo con le tue,
e così sembra che abbiate delle idee tutti e due.
Dai, che ce l’hai un’idea…
e non quelle solite idee
che è tutto sbagliato, tutto da cambiare,
un’idea normale,
che si possa dire anche al telegiornale,
un’ideuzza, un’ideuncia, un’ideina,
un’idea piccina, anche cretina.
se domani me la vieni portare,
ti faccio trovare il contratto da firmare.
non ce l’hai un’idea anche usata?
preconfezionata? surgelata?
facciamo un revival, facciamo un remake.
ti faccio un’offerta, ti va?
Tu mi dai una mezza idea
e le facciam pubblicità
stampa, tivù e manifesti,
in tutta la città,
vedrai che nessuno si accorge
che ne manca metà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *