La bambina che odiava i tabù è una poesia tratta dal libro “Le bambinacce” scritto dalla scrittrice Veronica Raimo e dallo scrittore e traduttore Marco Rossari, Feltrinelli Editore (guarda QUI).

LA BAMBINA CHE ODIAVA I TABÙ

C’era una bambina
che odiava i tabù.
Le dicevi : ” Tu
non devi fare questo”.
Le dicevi: ” Orsù,
non devi fare quello.
Pensare a cose sconce
pensare a un uccello
pensare a cose dolci
pensare a un pisello “.
E lei subito immaginava
un prof di trigonometria
nudo come un verme
che la portava via.
E lei all’istante pensava
a un prete assatanato
che sceglieva proprio lei
per dire addio al celibato.
Le dicevano : ” Non farlo!”
e lei subito faceva.
” Non devi mai pensarlo! “
e il pensiero s’accendeva.
” Evita i maschiacci!
Guardati dalla poesia!”.
E lei giù subito abbracci
con poetastri e chicchessia.
” Non badare all’uomo!
Non deragliare dalla regola!”.
E quella subito limona
devastata dalla fregola.
” Non fare la sciocca!
Sarai una bambinaccia!”.
E lei subito bisboccia
con la peggiore feccia.
I genitori disperati
temevano già il crimine,
quella oltrepassava
ogni umano limite.
Ormai senza più paure
si arresero al tabù,
le dissero: ” Fai pure
quello che vuoi tu”.
Fu allora che la bimba
scandalosamente
scoprì che non aveva
più voglia di far niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *