L’amicissia di Angelo Sartori

L’amicissia di Angelo Sartori

L’amicissia è una poesia in dialetto veronese del poeta Angelo Sartori. Angelo Sartori, avvocato e poeta, nato a Verona il 15 febbraio 1905 e morto il 18 ottobre 1982. Professò l’avvocatura per una gran parte della vita. Conosciuto e apprezzato da moltissime persone, non solo veronesi sia per le sue doti professionali, sia per la grande umanità, che comunicava con quello spirito frizzante che caratterizza tante delle sue composizioni. Fu uno dei fondatori del “Cenacolo di Poesia Veronese” intitolato a Berto Barbarani che prese, il via nell’autunno del 1948. Angelo, detto “Angelin”, Sartori viene ricordato, come una figura che ha dato onore e lustro a Verona “Intingendo la toga nella poesia”, secondo le parole di Renato Gozzi che fu nel passato Presidente dell’Ordine degli Avvocati.

L’AMICISSIA di Angelo Sartori

Come l’è bela l’amicissia vera!
Come l’è cara quando se ghe l’à!
Tanti crede d’averghela e no’i sa
che ghe n’è pochi che ghe l’à sincera.

No l’è quela discreta bela siera
che de solito tuti se se fa;
un sentimento l’è che va più in là
e l’ anima te ciàpa tuta intiera!

L’amicissia l’è più che simpatia;
l’è na gran stima che te nasse in cor,
che contento te fa ne l’alegria,

che conforto te porta nel dolor.
L’è na cara passion che no va via,
l’è la sorela vera de l’amor.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.